Jesus Christ Superstar


Esci dalla stalla bambino Gesù
il cuore dei poveri è già sensibile per le privazioni
chi è malato sa cos’è la sofferenza
chi subisce ingiustizie conosce la persecuzione
Caro Bambinello l’asinello e il bue non sono più di moda
tu che sei onipotente
vestiti di lusso ed entra nel mondo dei bottoni
quello del potere e della finanza.
Gesù bambino, scaccia via i mercanti dal tuo tempio
affinchè nessun piccino senta più freddo o fame
affinche non siano sempre i più deboli a pagare
Scusa l’irriverenza, caro Gesù
ma vorrei che anche chi ha in mano il destino del Mondo
capisse che cos’è il Natale….
Con queste semplici speranze
Ornella e Terry vi augurano
BUONE FESTE !!!!!!

_Ornella Pizzo_

Italian Apple


Le mele marce sono dappertutto, si sente il cattivo odore anche a distanza, prima ancora di vederle si possono subodorare. L’assuefazione ci ha resi insensibili, l’olfatto non è più quello di una volta, siamo confusi, puzziamo anche noi un pochino …….
Quell’ odioso fetore di marciume ci circonda, dolciastri effluvi di melliflua melma, penetrano dal naso e si diffondono in tutto il corpo, siamo portatori sani di puzza di fogna. È quella spunta di dolce che ci confonde, fossimo cani, non ci faremmo imbrogliare, ma ormai il fiuto ci inganna. I giovani poi non hanno esperienza, non ricordano le stagioni, non sanno che ogni frutto ha un sapore, l’olezzo gli sembra normale.
E nell’abitudine che ci disorienta, andiamo col vento in poppa verso gli scogli, il canto delle sirene ci ammalia, e quell’odore di mela marcia ci perseguita.
Dobbiamo ricordare il sapore fragrante delle mele selvatiche, quelle appena raccolte dall’albero, dobbiamo imparare di nuovo a fare le crostate che profumano di buono.

_Ornella Pizzo_

 

 

 

I Regali di Natale


Non si faranno i regali di Natale
Il bambino ha deciso di non voler nascere in questo periodo di crisi, ha gia fatto troppi sacrifici: la stalla, la croce e tutto il resto….
Dopo il recente censimento, teme per la sua vita e anche per il bue e l’asinello, oggi col satellite lo trovano di sicuro, altro che Erode….
A Maria fanno pagare l’ici per la prima stalla, anche se il povero Giuseppe, falegname, non batte chiodo.
Non si faranno i regali di Natale.
Rassegnati, Haidi, non ti sorridono i Monti, le caprette si guardano bene dal fare ciao, con questa fame, anche i vegetariani risponderebbero loro con un famelico addio.
L’albero sarà addobbato come un tempo, con qualche noce e un mandarino e i bambini guardandolo diranno
“Che palle !!!!”.
La maggior parte degli gnomi è in cassa integrazione, quelli più intelligenti sono espatriati
“La fuga degli gnomelli”.
Babbo Natale che è anziano da sempre e non ha mai versato contributi, dovrà restituire il maltolto.
Non si faranno i regali di Natale.
Perchè non c’è nulla di regale, se non gli addobbi preziosi con cui si adornano gli alti prelati
“Toglietemi tutto ma non la mia mitra”.
Attraverso l’umiltà si può raggiungere l’umiliazione, così privi di ogni orgoglio, non noteremo più le iniquità.
I castori della casta, continuano a rosicchiare, sono rubicondi e grassottelli, il nostro orgoglio, i più ben nutritti del mondo !!!!
Non si faranno i regali di Natale.
Scarteremo solo i nostri sogni, di brava gente derubata.

_Ornella Pizzo_

Il Ritratto


Brancolo al buio
di un cieco tramonto
Riflette lo specchio
le amenità dell’uomo
Cade giù il velo
vedo un ritratto
Gli occhi si aprono
con feroce risveglio
Ecco chi sono
un turpe capriccio
Piega la vita
ad un sonno costretto
Non sono che giunco
agitato da un soffio
È arrivato il mio turno
nell’eterno tormento….

_Terry Tamiro_

Il trauma del risveglio, chi siamo al nostro cospetto e rispetto al mondo ????

 

Vendesi….


Io sono in vendita
mentre do il mio corpo
si scioglie la mia anima
sorrido alla vita
che mi frusta con violenza
tre dita di rossetto
il mio è un ghigno
non ho scelto….
ma sevizie, violenza
e paura….
non ricordo piu’ chi sono
non ricordo perchè sono
trascino queste membra
e so quanto valgo
dipende dalle sere
dipende dal cliente
se non incasso sono morta
forse potrei uscirne
forse potrei….
per far cosa poi
io mi sento
spazzatura.

_Ornella Pizzo_

Il Burattino


Tac
Il burattino si muove
Tac
Precipita verso il nulla
Cade
Suono metallico
Di tenue lamento
Mille fili sconosciuti
Muovono altri esseri
Altri fili
Rumoroso groviglio
Di assurdo silenzio
Tac
Il burattino si scuote
Cerca la sua anima
Ma tac tac tac
Ha perso il filo….

Dove sono i vostri fili ????